Immagine

Il Palazzo Caetani di Cisterna: il paesaggio del genius loci

cisterna-2017

Il brigante “imprigionato”: Gasbarrone, Sonnino e il Museo Lombroso di Torino

Ripubblichiamo l’articolo apparso su Editoriale Oggi il 23 febbraio 2014, in cui si ripercorre parte della vicenda che vede protagonisti il brigante Gasbarrone, la città di Sonnino e il Museo di Antropologia Criminale “Cesare Lombroso” di Torino.

GASBARRONE-il-brigante-imprigionato

Il paesaggio dei briganti: dall’Agro Pontino a Itri

Interpretazione ecomuseale sulle orme dei briganti, da Sonnino a Itri, da Gasparone a Fra Diavolo. Con Francesco Tetro, Antonio Saccoccio, Felice Calvani, Angelo Valerio.

 

briganti-2017-OK

Immagine

Mappa di comunità di Borgo Sabotino: l’agenda

borgo-sabotino-mappa-agenda-ok

Progetto MAGISTER, trasformazioni nell’Agro Pontino nel XX secolo (Maenza, Castello Baronale)

L’Ecomuseo dell’Agro Pontino partecipa alla giornata conclusiva del progetto MAGISTER, con il Dipartimento di Scienze documentarie linguistico-filologiche e geografiche dell’Università “Sapienza” di Roma. Tra i relatori del convegno, che si terrà al Castello Baronale di Maenza il 30 settembre 2017, diversi collaboratori dell’Ecomuseo:

Manuela Francesconi, “Il progetto MAGISTER e il Museo della Terra Pontino: attività e protocolli d’intesa”
Antonio Saccoccio
, “Nuove visioni urbanistiche nell’Agro Pontino: il Manifesto dell’architettura aerea di Marinetti, Mazzoni e Somenzi”
Stefano Salbitani, “Il ruolo della bonifica nella trasformazione del territorio: la valle dell’Amaseno”
Francesco Tetro (anche curatore del convegno), “Testimonianze materiali e immateriali nell’Agro Pontino”, video in collaborazione con Francesco Gagliardi.

Presentazione dell’Ecomuseo dell’Agro Pontino presso il Museo della Terra Pontina di Latina: foto-racconto

Il giardino del Museo della Terra Pontina di Latina: cosa fare?

Il giardino del Museo della Terra Pontina di Latina, quotidianamente ed eroicamente curato dai volontari anche negli afosi mesi estivi. Si cerca di capire quali miglioramenti siano auspicabili e possibili, in un’ottica ecomuseale e comunitaria.