“La redenzione dell’Agro” di Cambellotti: interpretazione ecomuseale presso il Palazzo del Governo di Latina

La redenzione dell’Agro di Duilio Cambellotti, presso il Palazzo del Governo di Latina, sarà oggetto di una interpretazione ecomuseale a opera di Francesco Tetro, curatore di diverse mostre nazionali di Cambellotti.
L’evento è gratuito e parte del percorso ideato dall’Ecomuseo dell’Agro Pontino per l’anno 2018.

CAMBELLOTTI-maggio2018_locandina-rid

Il centro di interpretazione dell’Ecomuseo: patrimonio culturale e percorsi tematici (sintesi fotografica)

Alcuni momenti della conferenza “Il centro di interpretazione dell’Ecomuseo: patrimonio culturale e percorsi tematici” presso il Museo della Terra Pontina di Latina.
Nelle fotografie: Manuela Francesconi, Ornella Donzelli, Antonio Saccoccio, Angelo Valerio, Francesco Tetro, Felice Calvani.
A seguire la consegna dello stendardo al museo da parte del Lions Latina.

“Musei iperconnessi: nuovi approcci, nuovi pubblici” nel programma del Mibact per la Festa dei Musei 2018

La manifestazione “Musei iperconnessi: nuovi approcci, nuovi pubblici” che avrà luogo il 19-20 maggio presso il Museo della Terra Pontina con la partecipazione dell’Ecomuseo dell’Agro Pontino è stata inserita dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (Mibact) nella lista degli eventi associati alla Festa dei musei e notte europea dei musei 2018. A questo link è possibile visionare il programma dell’evento.

European Year of Cultural Heritage 2018_ LOGO

Musei iperconnessi: nuovi approcci, nuovi pubblici

Il Museo della Terra Pontina, in occasione della Notte europea dei Musei e della Festa dei Musei 2018, presenta «Musei iperconnessi: nuovi approcci, nuovi pubblici».
Evento associato all’Anno Europeo del Patrimonio Culturale 2018.

L’Ecomuseo dell’Agro Pontino parteciperà all’evento con la conferenza “Il centro di interpretazione dell’Ecomuseo: patrimonio culturale e percorsi tematici”.
Interverranno: Felice Calvani, Antonio Saccoccio, Francesco Tetro, Angelo Valerio

NOTTE-DEI-MUSEI-2018-LOCANDINA

L’Ecomuseo all’interno del Museo (visita e conferenza)

Alcune fotografie della visita guidata e della conferenza presso il Museo della Terra Pontina di Latina, Centro di interpretazione dell’Ecomuseo dell’Agro Pontino. A cura degli operatori ecomuseali Manuela Francesconi, Ornella Donzelli, Giorgio Borgognini, Antonio Saccoccio, Angelo Valerio, Felice Calvani.

 

Immagine

L’Ecomuseo all’interno del Museo (presso Museo della Terra Pontina, Latina)

TERRA-PONTINA-2018_ok-150

Un barbiere e ciabattino in Agro Pontino

Mio zio Dolfin era barbiere e ciabattino. Faceva certe scarpe che erano la fine del mondo. Ti toccava i piedi, li guardava e ritoccava, ti pigliava la misura con il centimetro e ti faceva due guanti sul piede, una cosa precisa precisa. Ma quante scarpe nuove vuole che ci facessimo noi morti di fame al mio paese? E chi vuole che – fatto pure una volta un paio di scarpe nuove – si permettesse poi di consumarle per doverle risolare? La gente da noi camminava scalza, come abbiamo poi camminato scalzi per tutto l’Agro Pontino fin che nel 1960 non è arrivato il benessere. E non è neanche da dire che tu quelle scarpe nuove te le mettevi solo il giorno del matrimonio e poi quello del tuo funerale – dimodoché, portandotele via con te, tuo figlio quando si sposava era costretto a farsi fare le sue – poiché essendo nel Basso-Rovigotto praticamente tutti ferraresi, noi in quanto tali abbiamo pure il sacro rito e costumanza che il morto va via scalzo. Lei non vede in nessuna veglia funebre o camera mortuaria di Ferrara e Codigoro – ma pure a Pontinia e Borgo Hermada – un morto con le scarpe nella bara. Sempre scalzo. Sia maschio che femmina. Coi calzini puliti e nuovi di zecca. E pure con la cravatta al collo. Pettinato bene e tutto rasato e – dentro le tasche che la gente non vede – pure un po’ di soldi, le sigarette, l’accendino o i fiammiferi se fumava, e prima di chiuderlo col coperchio della cassa, la moglie e i figli gli mettono una bottiglietta di grappa e qualcosa da mangiare. Sono gli usi nostri. […]

In ogni caso dalle parti nostre i morti – pur con qualche soldo – se ne vanno però scalzi. Scalzo sei entrato e scalzo te ne rivai. Veda un po’ quindi quanti affari poteva fare dalle parti nostre un ciabattino provetto – un artista delle scarpe – come mio zio Dolfin. E pure come barbiere – povero zio Dolfin – cosa vuole che guadagnasse? Con la fame che c’era, secondo lei la gente andava a farsi fare la barba dal barbiere? Ma quelli piuttosto se la mangiavano, la loro barba. Lui lo chiamavano, appunto, solo quando c’era da fare la barba a un morto. Se no s’arrangiavano da soli. E mia zia se l’era sposato – che lei sì la sapeva lavorare la terra, lei era la seconda, ossia la prima delle femmine, venuta al mondo dal grembo di mia nonna l’anno dopo zio Temistocle e l’anno prima dello zio Pericle – se l’era sposato per amore, perché aveva una voce canterina e sapeva raccontare mille storie, anche le più strampalate, facendogliele però credere vere.

[tratto da Antonio Pennacchi, Canale Mussolini, 2010]